Il Resident Evil che vorrei: “Vasino Edition”

È una questione risaputa ormai, sono anni che gli horror di qualità son difficili da trovare, sia in chiave filmica che videoludica, eppure i giapponesi sono sempre stati abbastanza bravi a creare ambientazioni spaventose. Forse perchè sono atei miscredenti senza un dio specifico? Forse. Non è da sottovalutare che il loro rapporto con sciamanesimo (la cultura popolare) e la fede shintoista amplifichi di molto le loro capacità espressive. Il genio di Mikami può provenire da questo? O è stato in realtà l’ispirazione al genio occidentale di George Romero? O il successo di Resident Evil (RE per gli amici) è sempre stato un caso, e il brand si sta trascinando faticosamente con DLC dei DLC da allora? Una recente trollata sembra voler difendere a spada tratta i DLC. DLC davvero li compri?.

index

Perchè non fai così CAPCOM!

Questo non toglie che il primo RE  fu un successo, si i tempi erano diversi, ma c’è qualcosa che ad un certo punto si è spento, il terrore ha smesso di fare il suo dovere e gli aspetti action hanno preso il sopravvento su quello che era considerato il capostipite, anzi, l’archetipo dei “Survival Horror”. Dico subito una cosa, nel discorso comparto tecnico, nulla da dire tutti i RE si sono sempre distinti per l’avanguardia grafica, le ambientazioni e complessivamente nell’aspetto filmico. Sono un grande fan della serie, quindi il mio parere è di parte, ma vedo anche la prospettiva dei cosiddetti “Delusi”. Ma alla fine sono anche un sognatore, e come sognatore mi piace l’idea che un giorno  vengano riprese alcune caratteristiche di RE che ne farebbero probabilmente di nuovo un successo. A CAPPECOMME’ NUN ME STATE A FREGA’ LE IDEE SENNO’ VENGO LI A CHINA TOWN EVVETIRO ‘NA PIZZA IN FACCIA. Certe cose bisogna chiarirle subito. Dopo l’imbarazzante RE 6 HD Capcom andrebbe decisamente boicottata.

32c7badde50637135eced276048b335f

I nostalgici ricordano qualcosa?

C’eravate quasi con l’ambientazione di Leon nel 6: Dico la verità, per un attimo mi ero illuso, il campus, la fuga dalla città, la situazione dell’armeria. PERCHÈ NON AVETE MESSO PIÙ SURVIVAL! Toglievate il discorso “Istance” cioè a capitolo per intenderci, mettevate che ne so la mappa della città con una decina di percorsi verso l’obiettivo, sulla strada sfide sempre diverse e variegate (così uno il gioco magari ci rigiocava più volte). Robe tipo, persone da salvare, enigmi da risolvere e qualche ostacolo platform. Non è possibile nel 2016 fare ancora dei giochi (soprattutto con vena action) MONOBINARIO, dateci la fottuta illusione di avere un libero arbitrio. PS: Smettetela di farci fare il giro del globo per la chiave di un cancello SCAVALCABILE. Grazie.

Più survival: Non credo ci voglia un genio; armi di fortuna, possibilità di venire infettati (possibilità di curarsi), una modalità furtività (ottima l’idea di Evil Within), toh guarda voglio strafare, immaginiamo che la malattia da virus abbia degli stadi, e che questi stadi diano bonus e malus, e che magari per sconfiggere certi boss devi essere infettato fino ad un certo stadio o per nulla. Nel remake del 1° resident evil (quello per game cube per intenderci) ottima l’idea del bruciare i cadaveri. Possibilità di creare trappole complesse, combattimento corpo a corpo più sviluppato. Una maggiore interattività con l’ambiente circostante. Avete mai giocato a “Extermination”(Gioco PS2 del 2001)? Se la risposta è no, vi siete persi un survival horror che ancora adesso a mio parere rivaleggia con RE.

Più paura: Scusatemi ma questo devo dirlo: “non ho più paura se ad uno zombie ci dai un mitra in mano o una dinamite”. C’avevo sto peso sullo stomaco per sta cosa, stavo per mettermi a ridere quando li ho visti la prima volta. Oh, posso capire il tizio con la motosega, pauroso, davvero, ma lo zombie con il mitra no, è troppo. Altra cosa che non riesco a capire è che fine a fatto Nemesis (non quello di operation racoon city), io non so voi ma me lo sogno ancora di notte, per chi si ricorda ai tempi degli sfondi pre-renderizzati (che uno diceva: “sono al sicuro tra questi pixel”) quel grandissimo figlio di un Tyrant sfondava le finestre, entrava dai balconi, APRIVA LE FOTTUTE PORTE, USAVA UN FOTTUTO LANCIARAZZI. Li si che scappavi come non ci fosse un domani, ma soprattutto ti ingegnavi per sfuggirgli e c’erano quei momenti dove dovevi scegliere la mossa giusta per incapacitarlo. La paura che un giocatore dovrebbe provare dovrebbe essere un misto tra quella psicologica di Silent-Hill e quella più pratica degli ultimi RE, l’errore che si sta facendo a mio parere nelle ultime produzioni è far pendere troppo l’ago della bilancia da una parte. Il giocatore deve essere per la maggior parte del tempo da solo, meglio ancora se fuori da contesti militari (poi oh ci sta anche il discorso action ma allora li non è più survival horror). Il gioco di riferimento? Silent Hill 2, colonna sonora pazzesca, ambientazione perfetta e trama ottima.

vasino chicco rosa

 

La paura non potrà essere contenuta in RE: Vasino Edition

Riusciremo quindi a godere di un RE con le seguenti caratteristiche? Degno di essere goduto su un vasino da notte e di avere l’onore di essere chiamato Resident Evil: Vasino Edition?

Leggi anche:

Effetto Tafazzi: “Fallout 4 versione sopravvivenza”

La Triforza della Realtà Virtuale

La “Patata bollente” del Modding

Action e Platform questi sconosciuti

 

3 pensieri su “Il Resident Evil che vorrei: “Vasino Edition”

  1. Con Resident Evil: Revelations ci hanno provato almeno, a proporre qualcosa di più horror e survival. Devo ancora recuperare Revelations 2 :p

    1. Quello è un altro discorso. Da RE 4 la serie ha preso una certa piega (che a me piace) per poi però perdere sempre di più la vena horror/survival (questo è il peccato). Anche i Revelations hanno le stesse meccaniche, però giocano più sull’atmosfera e situazioni survival (almeno il primo). Io parlo personalmente, per me il gameplay potrebbe anche andare bene così, magari se lo svecchiano un po’ di più anche meglio XD Per me dovrebbero lavorare di più sul lato horror continuando con quanto fatto di buono con Revelations (che ha comunque diverse cadute). Poi penso di essere uno dei pochi a cui RE 6 è piaciuto. Non come Resident Evil, ma come gioco. Se non lo chiamavano Resident Evil era meglio XD XD Mi è piaciuto, ma è una trashata. 😀 Poi io parlo da non-fan della serie (pur avendo giocato tutti i capitoli principali), diciamo che mi limito a seguirla perché non mi dispiace XD Quindi per me, alla fin fine, potrebbero farci un po’ quello che vogliono con la saga XD XD XD

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.