The Walking Dead mi ha stufato, però continuo a guardarlo

Quando vi ho parlato del perché Rick mi fa morire dal ridere, vi ho anche detto di essere un discreto “appassionato” dello show. Notare le virgolette. Già, perché pur apprezzando l’atmosfera post-apocalittica di The Walking Dead, il mio interesse verso la serie è scemato sempre di più. L’apice dell’insoddisfazione è stato raggiunto con questa settima stagione.

Granata a frammentazione

Uno dei problemi che la serie si porta dietro da un po’ di tempo è secondo me la frammentazione della storia. Trovo che la cosa sia diventata estremamente pesante e il ritmo soporifero non aiuta. Non è possibile aspettare una settimana per vedere un episodio che puntualmente si dimostra deludente. Decidere il ritmo, avendo per esempio disponibile tutte le puntate sin da subito come con le serie di Netflix, renderebbe il tutto già molto più sopportabile. Quando è ricominciata la seconda parte della stagione, a mio parere si sono susseguiti episodi uno più brutto dell’altro. Speravo riprendessero con qualcosa di un po’ più movimentato, diciamo, invece quando si è giunti all’episodio su Sasha e Rosita stavo quasi per suicidarmi dalla noia.

Con l’ultima puntata della stagione mi aspettavo almeno dei fuochi d’artificio… e ok, è un po’ meglio delle altre, forse, però alla fine della fiera si è dimostrata molto meno esplosiva di quello che doveva essere. Piccolo spoiler: però dai, un pochino mi sono gasato quando è sbucata dal nulla la tigre e hanno iniziato ad ammazzarsi; tra l’altro deve essere proprio addestrata in maniera impeccabile per attaccare solo i “cattivi”.

Come un morto che cammina

The Walking Dead ha perso per me buona parte del suo fascino. Persino Rick sta iniziando a farmi meno ridere di prima. Magari è proprio per questo che la serie ha iniziato a stancarmi. E se dovessi esprimere un parere su Negan, non saprei scegliere tra un “non male!” e un “non mi dice niente”. Idee chiare, insomma. Comunque sia, sì, The Walking Dead ormai mi ha stufato. Non mi interessa più, ho zero aspettative e non ho nemmeno voglia di vedere l’ottava stagione, ma so già che quando arriverà il momento lo farò. Vado avanti per inerzia, perché ormai The Walking Dead è divenuta più una sorta di abitudine che altro. Lo guardo solo perché c’è.

Negan a volte mi fa scompisciare… potrebbe diventerà il mio nuovo Rick?

Si potrebbe dire che The Walking Dead è come un morto che cammina, che si trascina faticosamente in avanti e puzza sempre di più. O forse no? Forse la verità è che gli autori della serie sono riusciti nel loro intento, sono riusciti a trasformarmi nella loro stessa opera: uno zombie che continua a camminare nonostante tutto. Perché sì: The Walking Dead mi ha rotto, però continuerò a guardarlo. Come uno zombie.

LEGGI ANCHE
Il fascino delle speedrun
Breath of the Wild è il nuovo Ocarina? Sì, ma non proprio
The Last Guardian: l’emozione conta più della tecnica

Un pensiero su “The Walking Dead mi ha stufato, però continuo a guardarlo

  1. Ecco perchè i nostri ragazzi stanno diventando dei Bulli, nelle case a scuola e nelle strade, seguendo il Grande Bullo Negan, e poi il Bullo Carl, il deficiente Eugene, povero ideatore del fumetto o del film, invece di cercare Farmacie, Medicine, Ospedali, si fanno la guerra in un mondo dove i virus trasformano in Zombi i morti, è incomprensibile.
    ecco perchè non piace più la serie.
    Giuseppe.

Rispondi a GIUSEPPE CUCCU Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.