Come convincere la fidanzata che i videogiochi non sono da sfigati

Ok, con tutta probabilità se state leggendo questo articolo siete dei grassi ciccioni con la panza o degli stecchini peggio degli stuzzicadenti che passano le proprie giornate attaccati al PC o qualche console. E no, non prendiamoci in giro: se siete qui la ragazza non ce l’avete. Prima o poi, però, anche voi potreste imbattervi in qualche esemplare di sesso femminile, che sicuramente non vedrà di buon occhio la vostra passione per i videogiochi. Già, perché nell’anno 2017, è scientificamente provato che esistono individui (sia maschili sia femminili) che vedono il videogioco come strumento demoniaco o giocattolino per fanciulli (a volte troppo cresciuti). E hanno ragione, perché i videogiochi fanno male. Ma questo non è il momento per parlarne. Oggi vi mostro infatti tre infallibili vie per convincere la vostra (futura) dolce metà che giocare ai videogame non è da sfigati… e addirittura trasformarla in un essere simile a voi!

Anche la vostra ragazza diventerà così!!!

La via del cinema

Per convincere la vostra fidanzata che giocare non è da sfigati dovete mostrargli roba che è tutto l’opposto di ciò che dovrebbe essere un buon videogioco: un film interattivo! A tutti piacciono i film, no? Partite con le esemplari opere di David Cage (avete letto come fare un gioco alla Cage?) per far capire subito alla donzella che i videogiochi sono roba per adulti repressi a cui basta premere forsennatamente i tasti che compaiono a schermo per andare avanti. Si ricrederà in un lampo: le sue convinzioni sui videogiochi verranno distrutte in un istante. Con una grafica spaccaculi, un’interattività pressoché inesistente e una storia che prova a scimmiottare in malo modo il cinema prima o poi non potrà che lasciarsi andare al classico commento: “Sembra un film!”. Sarà allora che l’avrete conquistata. Dopo i titoli di Cage vi consigliamo di provare ad alzare il tiro, magari provando i semi-film di Naughty Dog come The Last of Us e Uncharted 4 (a tutti piace Yndiana Giones, no?). Non potrà più tornare indietro e guardarsi passivamente un film. Titoli consigliati: Heavy Rain, Until Dawn, Uncharted, Life is Strange.

Attenzione: come ci mostrò PlayStation anni fa, l’ignorante pulzella potrebbe non capire che è un gioco

La via del casual

Alle donne piacciono le cose pucciose, pelose e che magari siano utili per tenersi un po’ in forma. La buona notizia è che i videogiochi possono offrire tutto questo. Provocatele sbrodolamenti di carineria proponendole sessioni a Nintendogs. Si scioglierà. Se preferisce la cucina compratele roba come Cooking Mama e se deve ancora raggiungere i quindici anni di età ricordatevi della bellissima serie di Giulia Passione ‘inserisciprofessionedafighettaacaso’. Ne avrà per un bel po’. Se vuole tenersi in forma ricordatevi di tutte le buttanate di Nintendo come Wii Sports, le bilance ingombranti (anzi, quelle magari no… bilance e donne non vanno d’accordo). Qualora si renda necessario ripiegate senza pudore su autentici capolavori come Zumba Fitness. Per iniziare potreste anche mostrarle il vasto assortimento di giochini schifosini per mobile, ma è probabile che a quelli ci giochi già per passare il tempo quando non è intenta a disprezzare voi che giocate a roba seria. La scelta casual è comunque davvero variegata. Troverete sicuramente qualcosa che fa al caso suo e vostro.

La via del cantante

A tutte le donne piace cantare, no? No? Beh, facciamo finta di sì. E comunque se non le piace il canto, le piacerà sicuramente la danza o la musica. Fortunatamente l’assortimento di videogiochi musicali è discretamente interessante. Non potrà dire di no. Da Guitar Hero per le più toste ad insulsi giochini di Karaoke o di ballo avrete l’imbarazzo della scelta. E che imbarazzo quando dovrete cantare insieme a lei in un duetto… ormai anche voi non potrete dire no. Attenzione: il rischio di fare la figura dello sfigato durante un duetto canoro è elevato, quindi vi consigliamo di procedere con cautela qualora decideste di adottare questa via.

Quando sarà una giocatrice saprete già cosa comprarle per il compleanno!

Giunti a questo punto è probabilissimo che la vostra ragazza sia divenuta a tutti gli effetti una giocatrice senza nemmeno accorgersene, quindi non vi riterrà più uno sfigato senza cervello. Seguire una di queste vie è un ottimo modo per farvi fare una fig…ura eccezionale con l’altro sesso, tuttavia sarà solo miscelando tutte e tre le opzioni che otterrete dei risultati veramente epocali.

E se tutto ciò non dovesse bastare, ecco qualche altro breve consiglio per approcciare la vostra futura ragazza.

  • Giocate insieme agli horror: il concetto è lo stesso dei film di paura e vi permetterà di abbracciarla e proteggerla dalle avversità virtuali. Non crederà più che siete degli sfigati quando vi vedrà fronteggiare senza paura un esercito di zombie!
  • Personaggi femminili: fatela giocare a titoli che hanno protagoniste delle donne ma occhio a giuochi come Bayonetta o Dead or Alive…
  • Scommettete al gioco: giocatevela. Se ha circa dieci anni un approccio alla “Se supero senza morire quel livello di Super Mario diventi la mia morosa” potrebbe funzionare per dimostrare di essere dei veri eroi senza macchia e senza paura. Anche cose come “Scommettiamo che se ti batto a Wii Sports usciamo a cena?” vanno bene.
  • Collezionali tutti: se riuscite a collezionare tutti i Pokémon a Pokémon GO è matematico che uscirà con voi quando le direte “Te li faccio vedere tutti”.
  • La stanza dei giochi: ditele che avete gusti particolari e invitatela a vedere la vostra stanza dei giochi. Se non scappa via sarete pronti a giocare una delle vostre migliori partite.

LEGGI ANCHE
Doppiaggio in italiano? Imparate l’inglese, capre!
Come giudicare un gioco dalla copertina
Gioco buggato, gioco fortunato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.